Layer fotocatalitico

FullSizeRender

 

Layer Fotocatalitico: gli ossidi di azoto (ossido di azoto e diossido di azoto, comunemente definiti NOx) sono da considerarsi gli inquinanti capostipite dell’aria.

E vengono degradati dalla presenza di alberi.

Il processo di fotocatalisi riesce a trasformare questi inquinanti mediante degradazione in microscopici sali minerali rendendoli assolutamente innocui per l’uomo e l’ ambiente.

Un processo simile è ottenuto solo dalle piante con una capacità di degrado pari a  circa 8 Kg di NO su 1000 mq di superficie edile trattata.

Le superfici trattate e la fotocatalisi decompongono la cellula dei batteri grazie al processo di ossidazione.

Questi ultimi ed i funghi,saranno eliminati anche in fase di preparazione.

Efficace anche su batteri con spiccata resistenza agli antibiotici come ad esempio Staphylococcus Aureus e Escherichia Coli.

L’azione deodorante avviene attraverso la decomposizione di gas tossici.

Come tioli/mercaptani, aldeide formica e Composti Organici Volatili detti VOC (vapori provenienti da diverse tipologie di prodotti come solventi e simili) oltre la decomposizione di odori da crescite funginee

Grazie alla super idrofilicità del Ti02, una superficie rivestita con titanio avrà una totale mancanza di repellenza all’acqua.

L’acqua prenderà forma quindi di uno strato sottile omogeneo che nel caso di vetri o specchi eviterà l’annebbiamento.

Le superfici rivestite da materiale fotocatalitico grazie all’azione dei raggi ultravioletti naturali o di derivazione da fonte artificiale degraderanno da una parte gli inquinanti.

Ed i batteri dovuti a microrganismi e dall’altra grazie all’effetto “loto” caratteristico (dovuto alla super-idrofilia donata al supporto dal Ti02),

Lo sporco sarà lavato via dalla superficie.

 

Per informazioni sul trattamento fotocatalitico contattare: Giampaolo Robuschi Strada Sant’Anna 12 43121 Parma

Tel 0521/1626451 Cell 3494795701 Fax 0521/1854664 Mail info@trattamentoantiscivolo.com